S.Hermann di Reichenau autore del “Salve Regina”

La storia ispiratrice di come un monaco cieco e paralizzato compose il Salve Regina
Philip Kosloski | Set 25, 2018
HERMANN,REICHENAU
Th. Fink Veringen | CC BY-SA 4.0
Condividi 110
Il beato Ermanno era nato con palatoschisi, paralisi cerebrale e spina bifida, ma aveva anche una mente brillante
Dio usa spesso strumenti deboli per trarne un bene maggiore. È il caso del beato Ermanno di Reichenau (1013-1054). Ebbe un’infanzia estremamente difficile, ma i suoi genitori volevano il meglio per lui. Quando aveva 7 anni riuscirono a inserirlo in un monastero benedettino vicino casa, dove avrebbe potuto essere educato e allevato.

Al monastero Ermanno fiorì, e si scoprì rapidamente che se il suo corpo era paralizzato, la sua mente era invece straordinaria. Divenne un esperto di astronomia, teologia, matematica, storia e poesia. Era anche molto portato per l’apprendimento delle lingue, e imparò a parlare in modo fluente arabo, greco e latino.

Ancor più notevoli erano il suo atteggiamento gentile e la sua devota vita interiore. Aveva in sé una grande gioia, e malgrado le disabilità fisiche sorrideva sempre.

In seguito divenne cieco, e fu allora che iniziò a comporre splendidi inni. Anche se il suo corpo si indeboliva, la mente e il cuore erano infiammati dall’amore per Dio, che lo spinse a creare alcuni degli inni più noti di tutti i tempi.

In particolare, Ermanno compose il popolarissimo Salve Regina e l’Alma Redemptoris Mater. Entrambi gli inni sono stati inseriti nella Liturgia delle Ore, dopo la recita della compieta. Il Salve Regina è anche uno degli inni mariani più famosi della Chiesa.

Quando leggiamo o cantiamo questi due inni dopo aver appreso la storia del beato Ermanno li troviamo ancor più straordinari. Si tratta infatti di testi gioiosi pieni d’amore e di devozione, nati dal cuore di un uomo che in vita ha sofferto molto. Tutto questo ci ricorda il potere della fede e come non importino le sofferenze che dobbiamo sopportare, perché si può comunque lodare Dio e ringraziarlo per le meraviglie che ha compiuto per noi.

Ecco il testo del Salve Regina:

Salve, Regina,
madre di misericordia,
vita, dolcezza e speranza nostra, salve.
A te ricorriamo,
esuli figli di Eva;
a te sospiriamo, gementi e
piangenti in questa valle di lacrime.
Orsù dunque, avvocata nostra,
rivolgi a noi gli occhi
tuoi misericordiosi.
E mostraci, dopo questo esilio, Gesù,
il frutto benedetto del tuo Seno.
O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria!

e in latino:

Salve, Regina, Mater misericordiae,
vita, dulcedo, et spes nostra, salve.
Ad te clamamus, exsules filii Hevae,
ad te suspiramus, gementes et flentes
in hac lacrimarum valle.
Eia ergo, advocata nostra, illos tuos
misericordes oculos ad nos converte.
Et Jesum, benedictum fructum ventris tui,
nobis, post hoc exsilium, ostende.
O clemens, O pia, O dulcis Virgo Maria.
Tratto da Aleteia
Pubblicato in Varie | Lascia un commento

S.Vincenzo di Lerins

 

Nascita Francia settentrionale o Belgio, V secolo
Morte Isole di Lerino, 450 circa
Santuario principale Abbazia di Lerino
Ricorrenza 24 maggio

Continua a leggere

Pubblicato in Testi e Documenti | Lascia un commento

Lettera a un Romano-Cattolico di P.Gregorio Cognetti

Anche se non me l’hai mai chiesto direttamente, io sento dalle tue parole che ancora non comprendi perchè ho lasciato la Chiesa Romana per diventare ortodosso. “Eri addirittura membro di una delle parrocchie bizantine meno latinizzate!”, sembra che tu dica:” perché, allora?…”.

Continua a leggere

Pubblicato in Varie | Lascia un commento

S.Efrem il Siro: Inni alla Resurrezione

 

Egli  non rifuggì gli impuri,

non distoglieva lo sguardo dai peccatori,

negli umili si compiaceva,

nei semplici si rallegrava grandemente.

Benedetto sia il Suo insegnamento

* * *

Da Dio è la Sua Divinità,

dai mortali  la Sua umanità,

Melkisedek il Suo Sacerdozio,

dalla discendenza di Davide la  Sua regalità,

Benedetta sia la Sua unione

***

La Sua Nascita ci dà la purificazione,

il Suo Battesimo ci dà il perdono,

la Sua Morte è vita per noi,

la Sua Ascensione è la nostra esaltazione,

come dovremo ringraziarlo!

 

Pubblicato in Testi e Documenti | Lascia un commento

S.Gregorio Magno, papa di Roma

Gregòrio I papa, detto Magno, santo. – Di nobile famiglia (Roma 540 circa – ivi 604), nella sua giovinezza ebbe preparazione culturale, relativamente ai suoi tempi, assai buona, arricchita in seguito da studî biblici e patristici molto vasti, avvertendo profondo l’influsso specialmente di s. Agostino.

Continua a leggere

Pubblicato in Varie | Lascia un commento

Exultet ambrosiano del V° secolo

L’inno pasquale in uso ancor oggi nella Liturgia della Pasqua nella Chiesa Ambrosiana risale al V° secolo. Quì di seguito si offre alla nostra attenzione la versione integrale e la traduzione in italiano:

Continua a leggere

Pubblicato in Varie | Lascia un commento

S.Giovanni Cassiano

San Giovanni Cassiano

BIOGRAFIA

 

Giovanni Cassiano è una figura di notevole rilievo del V secolo. Una vasta cultura e numerosi viaggi gli hanno permesso di esercitare un’influenza considerevole sul suo tempo e nei secoli seguenti.

Continua a leggere

Pubblicato in Testi e Documenti | Lascia un commento

S.Agostino di Canterbury

Agostino di Canterbury (Roma, 13 novembre 534[1] – Canterbury, 26 maggio 604) è stato un monaco e il primo arcivescovo di Canterbury. Venerato come santo da cattolici, ortodossi e anglicani, è conosciuto anche come l’Apostolo d’Inghilterra.

Continua a leggere

Pubblicato in Testi e Documenti | Lascia un commento

La nostra chiesa come era

La nostra chiesa negli anni ’80 quando era dedicata ai SS.Sergio e Serafino prima del trasferimento nel tempio di via Giulini si presentava in questo aspetto. Erano ancora tempi in cui la comunità parrocchiale era modesta…ma già di composizione  internazionale…caratteristica che ha mantenuto ancora oggi.

Pubblicato in Varie | Lascia un commento

Festa della Presentazione al Tempio detta anche dell’ Incontro

Inno Ambrosiano della Festa

Adorna Sion thalamum                                                                     Sionne adorna il talamo
quae praestolaris Dominum                                                            ed al Signore affrettati
sponsum et sponsam suscipe                                                           lo sposo e sposa, vigile
vigil fidei lumine.                                                                                con fede accogli limpida.

Beate senex, propera,                                                                        Beato vecchio affrettati,
promissa comple gaudia                                                                   l’attesa esplodi in gaudio
et revelandum gentibus                                                                    svelatasi ai popoli
revela lumen omnibus.                                                                     la luce fà conoscere.

Parentes Christum deferunt,                                                         Al tempio Cristo portano,
in templo templum offerunt,                                                         ma in esso è Lui che offono,
legi parere voluit                                                                              la Legge vuole compiere
qui legi nihil debuit.                                                                        ma nulla ad essa l’obbliga.

Offer, beata, parvulum,                                                                 Maria offrì il Suo Figlio:
Tuum et Patris unicum                                                                 del Padre Egli è l’Unico,
offer per quem offerimur,                                                            con Lui noi pure vittima:
pretium quo redimimur.                                                              Lui prezzo per redimerci

Procede, Virgo regia,                                                                    Orsù, regale Vergine,
profer Natum cum hostia,                                                           presenta in dono il Figlio,
monet omnes ad gaudium                                                          esorta tutti al gaudio,
qui venit salus omnium.                                                             Lui salva tutti gli uomini.

Iesu, Tibi sit gloria,                                                                      A Te, Gesù sia gloria.
qui natus es de Virgine                                                               che nasci dalla Vergine,
cum Patre et almo Spiritu                                                         col Padre e con lo Spirito,
in sempiterna saecula, Amen.                                                  negli infiniti secoli. Amen

Dalle “Laudes” della Festa della Presentazione al Tempio.
“Inni liturgici Ambrosiani” a cura di Gino Morlon ed. NED Milano 1991 pag. 71

Pubblicato in Testi e Documenti | Lascia un commento