Archivi categoria: Santo del giorno

S.ieromartire Ignazio Vescovo di Antiochia, il Teoforo

Questo articolo è stato pubblicato in Santo del giorno il da .

Sant’Ignazio fu il terzo Vescovo di Antiochia, in Siria, cioè della terza metropoli del mondo antico dopo Roma e Alessandria d’Egitto.
Lo stesso San Pietro era stato primo Vescovo di Antiochia, e Ignazio fu suo degno successore: un pilastro della Chiesa primitiva così come Antiochia era uno dei pilastri del mondo antico.

Continua a leggere

Share

S.Marco Eugenico, arcivescovo di Efeso

Questo articolo è stato pubblicato in Santo del giorno il da .

Marco nacque come «Emanuele» nel 1392 a Costantinopoli, da Giorgio (diacono e sakellarios – tesoriere – della basilica di Santa Sofia) e Maria, figlia del devoto medico Luca. Marco imparò a leggere e scrivere da suo padre, che morì quando lui e il suo fratello minore Giovanni erano ancora bambini. Maria fece proseguire l’istruzione del figlio sotto l’egida di Giovanni Cartasmeno (futuro Metropolita Ignazio di Selimbria) in retorica, Macario Makres in dogmatica e Giorgio Gemisto Pletone in filosofia.

Continua a leggere

Share

San Paolo di Tebe, l’Eremita

Questo articolo è stato pubblicato in Santo del giorno il da .

Vive fino a 113 anni tutto solo, in mezzo al deserto: è la volontà di Dio poiché questo santo sopravvive per lungo tempo grazie a un corvo che, tutti i giorni, gli porta un pezzo di pane per sfamarsi. Questa è la storia di Paolo, nato nel 228 a Tebe (Egitto), il primo eremita cristiano. La sua famiglia è benestante: il piccolo Paolo conduce una vita agiata e può permettersi di studiare. Alla morte dei genitori Paolo ha solo ventidue anni. Eredita grandi ricchezze che deve dividere con sua sorella.

Continua a leggere

Share

Santo Principe Dovmont di Pskov nel battesimo Timoteo

Questo articolo è stato pubblicato in Santo del giorno il da .
Giorno della memoria: 20 maggio
Dovmont Principe di Pskov

Il santo principe credente Dovmont (Domant) di Pskov, il principe Nalshinaysky (Nalshansky), era originario della Lituania, all’inizio professava con zelo il paganesimo. Nel 1265, fuggendo dalla guerra civile dei principi lituani, fu costretto a fuggire dalla Lituania e giunse a Pskov con 300 famiglie lituane. La terra di Pskov divenne la sua seconda casa. Qui, nelle parole del cronista, “la grazia di Dio soffiò su di lui”, quando, con tutto il suo seguito, ricevette il santo Battesimo .col nome di Timoteo e fu onorato di grandi doni dal Signore.

Continua a leggere

Share

S. Martire Alessandro di Roma

Questo articolo è stato pubblicato in Santo del giorno il da .

 

 

 

Il santo martire Alessandro soffrì per Cristo all’inizio del IV secolo. Era un militare, prestava servizio nel reggimento del Tribuno di Tiberiano a Roma. Era nel suo 18° anno, quando l’imperatore romano Massimiano Ercole (284-305) ordinò che tutti i cittadini in un certo giorno si recassero al tempio di Zeus in campagna per fare un sacrificio. Il tribuno Tiberiano radunò i suoi soldati e ordinò loro di andare a questa festa, ma il giovane Alessandro, educato nella fede di Cristo fin dall’infanzia, rifiutò e annunciò che non avrebbe sacrificato ai demoni.

Continua a leggere

Share

Santo Martire Barbaro di Larissa

Questo articolo è stato pubblicato in Santo del giorno il da .

Il santo martire Barbaro, un ex ladro, visse in Grecia e per lungo tempo commise rapine, rapine e omicidi. Ma il Signore, non volendo la morte del peccatore, lo rivolse al pentimento. Una volta, quando il Barbaro era seduto in una grotta e guardava un sacco di proprietà rubate, la grazia di Dio gli toccò il cuore. Pensò alla morte imminente, al terribile giudizio futuro. Riflettendo sulle tante cattive azioni che aveva commesso, ebbe il cuore spezzato e decise di iniziare il suo pentimento, dicendo: “Il Signore non ha disprezzato la preghiera del ladro crocefisso accanto a Lui, e possa Egli risparmiarmi con la Sua inesprimibile misericordia”.

Continua a leggere

Share