Archivi autore: Padre Dimitri (Fantini)

Informazioni su Padre Dimitri (Fantini)

Editore di Ortodossia.info

S.Madre di Dio Shuya-Smolenskaja

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized il da .

La storia dell’apparizione dell’immagine miracolosa della Madonna di Shuya – Smolensk è legata all’epidemia di peste che colpì la città di Shuya nel 1654. La leggenda sull’icona riporta che i parrocchiani della Chiesa della Resurrezione si sono offerti di dipingere una nuova immagine della Madre di Dio Odigitria di Smolensk “per liberarli dai guai e dalle disgrazie che li hanno colpiti”.

Continua a leggere

Share

S.Ieromartire Ioan arcivescovo di Riga (Lettonia)

Questo articolo è stato pubblicato in Testi & Documenti il da .

Il Santo ieromartire Ioann  (nel mondo Ivan Andreevich Pommer,in lingua lettone. Jānis Pommers) nacque il  6 (18) gennaio 1876, nella fattoria Ilzessalas, distretto di Venden, provincia di Livonia – e morì il  29 settembre (12 ottobre 1934, Riga) – Vescovo della Chiesa Ortodossa Russa  arcivescovo di Riga e Lettonia, primate della Chiesa ortodossa lettone.

Continua a leggere

Share

S.Massimo il greco

Questo articolo è stato pubblicato in Testi & Documenti il da .

Massimo il Greco, oppure Maksim il Greco o Maksim Grek, nato come Mikhail Trivolis (Arta1480 – Monastero della Trinità di San Sergio21 gennaio 1556), è stato un umanistalinguista e religioso greco. Massimo il Greco fu un importante personaggio del movimento religioso-culturale del XVI secolo, che si distinse per la traduzione delle Sacre Scritture e della letteratura filosoficoteologica in lingua russa, contribuendo a diffondere la cultura bizantina in tutta la Russia.[1]

Continua a leggere

Share

SS.Madre di Dio Jaroslavskaja

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized il da .

Le informazioni sull’origine dell’icona sono estremamente scarse. La tradizione la collega ai santi principi Vasily e Konstantin, figli di Vsievolod, che la portarono a Yaroslavl nel XIII secolo. I Santi Principi divennero famosi per la loro cura di restaurare le chiese saccheggiate dalle orde di Batu Khan. Le reliquie dei SS. Principi fratelli furono ritrovate nel 1501 dallo Zar  Ivan III° e collocate tra i pilastri della nuova cattedrale di pietra dell’Assunzione sotto le icone di famiglia, tra cui l’icona Yaroslavskaja. Successivamente, in onore dell’icona, fu consacrata la chiesa inferiore della Chiesa di Elia Profeta.

L’icona di Yaroslavl appartiene alla tipologia della Madonna  della tenerezza. Il Divino Bambino è raffigurato sul lato destro della Madre di Dio, che inclina il capo verso di lui in modo che i loro volti si tocchino. Il bambino Gesù tiene con la mano il mento della Vergine Maria, i piedi delle sue gambe sono spostate.

Il tipo tradizionale della “tenerezza” è arricchito da un bel motivo: Cristo tocca il mento di Maria con la mano destra e con la sinistra il lato del suo mantello. Così, la cordialità nel rapporto tra madre e figlio è ancor più enfatizzata.

L’icona è nota da numerose copie. La prima è una copia della prima metà del XV secolo dalla collezione della Galleria Tretyakov di Mosca. La seconda copia risale alla seconda metà del XV secolo, sempre nella collezione della Galleria Tretyakov,e si distingue per l’eccezionale qualità artistica. Un’altra copia  del 1500 fu donata dalla vedova dell’ultimo principe di Yaroslavl alla  Lavra di S.Sergio e della SS.Trinità.

 

 

 

 

Share

S.Gerasimo del deserto

Questo articolo è stato pubblicato in Santo del giorno il da .

San Gerasimo era originario della Licia (Asia Minore). Fin dalla giovinezza si distinse per pietà. Accettato il monachesimo, il monaco si ritirò nelle profondità del deserto della Tebaide (Egitto). Intorno all’anno 450 il monaco giunse in Palestina e si stabilì vicino al Giordano, dove fondò un monastero.

Un tempo il santo fu tentato dall’eresia di Eutiche e di Dioscoro, che riconoscevano in Gesù Cristo solo la natura divina. Tuttavia, il monaco Eutimio il Grande (Comm. 20 gennaio) lo aiutò a tornare alla retta fede.

Nel monastero, il santo stabilì regole rigide. Il monaco trascorreva cinque giorni alla settimana in solitudine, facendo il ricamo e la preghiera. In questi giorni gli eremiti non mangiavano cibi bolliti e non accendevano nemmeno il fuoco, ma mangiavano pane secco, radici e acqua. Il sabato e la domenica tutti si sono radunati nel monastero per la Divina Liturgia e hanno comunicato i Santi Misteri di Cristo. Nel pomeriggio, portando con sé una scorta di pane, radici, acqua e una manciata di rami di palma da dattero per tessere cesti, gli eremiti tornarono nelle loro celle appartate. Tutti avevano solo vestiti trasandati e stuoie su cui dormire. All’uscita dalla cella, la porta non era chiusa a chiave, in modo che chiunque venisse potesse entrare, riposare o prendere ciò di cui aveva bisogno.

Lo stesso monaco mostrò un alto esempio di ascesi. Durante la Grande Quaresima, non mangiò nulla fino al giorno luminosissimo della risurrezione di Cristo, quando prese la comunione ai Santi Misteri. Partendo per tutta la Grande Quaresima nel deserto, il monaco prese con sé il beato Ciriaco, suo amato discepolo (Comm. 29 settembre), che il monaco Eutimio il Grande gli mandò.

Al momento della morte di sant’Eutimio il Grande, fu rivelato a san Gerasimo come l’anima del defunto fosse portata in cielo dagli angeli. Prendendo con sé Ciriaco, il monaco si recò immediatamente al monastero di Sant’Eutimio e seppellì il suo corpo nel terreno.

San Gerasimo morì pacificamente, pianto dai fratelli e dai discepoli. Fino alla sua morte, il monaco Gerasimo fu assistito nelle sue fatiche da un leone, il quale, dopo la morte dell’anziano, morì sulla sua tomba e fu sepolto presso la tomba del santo. Pertanto, il leone è raffigurato su icone, ai piedi del reverendo.

Tratto da Proavoslavie.ru

Share

S.ieromartire Ermoghèn, patriarca di Mosca

Questo articolo è stato pubblicato in Testi & Documenti il da .

Ermogene, o Germogen (in russo: Гермоген; Kazan’1530 – Mosca17 febbraio 1612), al secolo Ermolaj (Ермолай), fu il patriarca di Mosca e di tutte le Russie dal 3 luglio 1606 al 17 febbraio 1612. La sua figura è legata al ritrovamento dell’icona della Madonna di Kazan’ e alla grande rivolta popolare contro i polacchi che pose fine al Periodo dei torbidi. È venerato come santo martire dalla Chiesa ortodossa russa.

Continua a leggere

Share