Archivi categoria: Uncategorized

S.Maxim Totemsky, sacerdote e folle in Cristo (1650)

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized il da .

Maxim Totemsky (Maxim Makarievich Popov) all’inizio della sua vita era sacerdote nella chiesa della Resurrezione a Varnitsy, vicino alla città di Totma, nella diocesi di Vologda. A giudicare dal cognome, proveniva da una famiglia sacerdotale. Non si sa quando e dove Maxim accettò il sacerdozio, non si sa nemmeno perché, pur rimanendo sacerdote, si assunse l’impresa più difficile della follia.

Continua a leggere

Share

Nuove foto sferiche eseguite dal fotografo professionista M. Fiorenti

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized il da .
Marco Fiorenti
Per visionarle occorre cliccare su ogni link scelto.
Share

S. Regina Teofània

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized il da .

Santa Regina Teofània

Frutto delle preghiere di una madre rimasta a lungo senza figli, la figlia del nobile Costantino Martinakia e Anna ricevette un’ottima educazione; i suoi genitori amavano teneramente Feofania e non risparmiavano nulla per la sua educazione. L’imperatore Basilio il Macedone la scelse come moglie di suo figlio Leone, e con la corona matrimoniale, la corona reale fu posta su Feofania, come moglie dell’erede al trono.

Continua a leggere

Share

Icona della SS.Madre di Dio “Arapetskaja”

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized il da .

L’Arabet o icona araba della Madre di Dio è una delle icone più antiche, ma è conosciuta solo per nome. Nessuna informazione è stata conservata sul luogo e sull’ora della sua apparizione. Ci sono solo supposizioni e ipotesi su questo problema. Alcuni attribuiscono l’apparizione e la glorificazione dell’icona all’inizio del IV secolo, precisamente all’anno 301. 

Continua a leggere

Share

S.Icona della SS.Madre di Dio detta “Pammakarista”

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized il da .

L’icona della Santissima Theotokos, chiamata la “Beata” o “Pammakarista”, fu inviata nel 1905 da Sua Santità il Patriarca Gioacchino III di Costantinopoli come benedizione e consolazione alla città di Kazan dopo il sacrilego rapimento della miracolosa icona della Madre di Dio dalla chiesa cattedrale del Convento della Madre di Dio di Kazan nella notte tra il 28 e il 29 giugno 1904. Continua a leggere

Share